Rimborso della licenza di Windows: la Cassazione dice di si!

Sei ha comprato un PC e sei fra quelle persone coraggiose, sensate, avvezze a cambiare abitudini e decidi di installare Linux, sappi che recentemente la Corte di Cassazione ha stabilito che se rifiuti la licenza d’uso (rispondendo no alla domandina iniziale posta da Windows nel momento in cui si accende il Pc per la prima volta) hai diritto al rimborso che ammonta a €140.

La Cassazione stabilisce dunque la mancanza di vincolo tra computer e sistema operativo, montato sulla macchina solo per mera politica commerciale

Nell’accertata assenza di controindicazioni tecnologiche, l’impacchettamento alla fonte di hardware e sistema operativo Windows-Microsoft (così come avverrebbe per qualsiasi altro sistema operativo a pagamento) risponderebbe, infatti, nella sostanza, ad una politica commerciale finalizzata alla diffusione forzosa di quest’ultimo nella grande distribuzione dell’hardware (quantomeno in quella, largamente maggioritaria, facente capo ai marchi Oem più affermati)

 

 

SOSTIENIMI!

Per trasparenza: guadagno già tramite Google ADS ma non pensare chissà quanto! Se ti va di dirmi grazie o se ti va di mostrare un segno di gradimento è possibile aiutarmi attraverso questi canali.

PAYPAL
Se sei un benefattore, puoi farmi una donazione sicura con Paypal!

AMAZON
Amazon, grazie a link affiliati, mi permetti di ottenere piccoli guadagni. Su ogni acquisto che effettui ricevo dall'1 al 3% del prezzo dell'articolo, IVA escluso. Tu non paghi nulla in più, io invece, ricevo un compenso. Clicca qui e poi prosegui con i tuoi acquisti!

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *