Frequenze wifi; la 2,4Ghz e la 5Ghz

Il segnale wifi, come noto, permette ai dispositivi di poter collegarsi in rete ad un router senza la necessità di dover usare dei cavi. Per poter far comunicare un dispositivo con il router occorre che il primo si connetta al secondo. L’operazione è piuttosto banale: dal dispositivo si ricerca il nome della rete wifi di casa (SSID), si immette una password e il gioco è fatto.

Alcuni tra i router wireless e modem-router WiFi più recenti sono dualband ossia permettono di erogare due sorgenti differenti di wifi. Le due reti WiFi, a 2,4 e 5 GHz possono generalmente funzionare in maniera simultanea.  Il dispositivo che si usa, deve oltre a saper riconoscere la 2,4GHz, anche la nuova 5 GHz. Ciò non è sempre possibile. Ad esempio, i miei macbook pro e LG G4 riescono a vedere tutte le reti, mentre i miei Jumper EzPad 5s e asus zenfone 6 riescono solo a vedere la 2,4GHz.

Esistono varie classi di Wi-Fi con prestazioni diverse e le principali sono:

  • classe a a 54 Mb/s (5 GHz)
  • classe b a 11 Mb/s (2,4 GHz)
  • classe g a 54 Mb/s (2,4 GHz)
  • classe n a 450 Mb/s (2,4 GHz e 5 GHz)
  • classe ac a 3 Gb/s (5 GHz)

Le caratteristiche della 2,4GHz: è più lenta rispetto alla 5GHz (massimo 450Mb/s e pure teorici) ma ha un raggio d’azione più lungo e sorpassa più facilmente gli ostacoli. Tuttavia la banda a 2,4GHz è occupata da moltissimi dispositivi e quindi diventa più complicato ottenere un segnale pulito e quindi più stabile e veloce. Se usate una FTTH a 1Gb/s, scordatevi di navigare al massimo della velocità con questa tecnologia.

Le caratteristiche della 5GHz: ha un’ampiezza di banda più generosa, ha pochissime interferenze … ma purtroppo non ha un raggio d’azione più lungo. Se avete una casa grande o muri tra il router e il dispositivo, non vivrete un’appagante esperienza di navigazione! Potete usare tranquillamente questa banda per le xDSL a 1Gb/s.

Il mio AVM FRITZ! Box 3490 riesce ad avere entrambe le bande, come si nota nella figura in basso. Per distinguere le due SSID, le ho arbitrariamente chiamate proprio con nome della banda, in modo tale che poi possa poterle distinguere dai miei dispositivi.

Sostieni il mio blog in differenti modi. Abbonandoti al servizio Amazon music, oppure ad Amazon Prime. Se ti abboni a quest’ultimo, Amazon ti offre gratuitamente la piattaforma streaming Amazon Prime Video. Se poi proprio non ti vuoi abbonare a niente, acquista qualsiasi cosa da Amazon, senza nessun sovrapprezzo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: