Rai Way propone la FTTT (fiber to the tower)

Anche Rai Way vuol entrare nel business delle connessioni a internet e per farlo approfitta di questo momento di effervescenza del mercato dichiarando di voler collaborare col Governo al piano sulla banda ultralarga (BUL).

“Fiber to the tower – spiega Camillo Rossotto, presidente di Rai Way – è il nome dato al progetto con cui vogliamo intercettare il traffico dati che verrà generato con l’utilizzo degli smartphone”. Rai Way intende “usare le torri come interfaccia tra la rete e gli utenti” quasi creando un hub per la trasmissione dei dati”. Ray Way, prosegue, ha una precisa Mission che è “diventare il provider italiano di infrastrutture e servizi di rete di riferimento per i broadcasters e per gli operatori di telecomunicazioni”.

L’area in cui Rai Way intende concentrare i suoi sforzi è rappresentata dal cluster D che include 4.300 città, pari a 2,3 milioni di edifici, il 15% della popolazione soprattutto nel Sud Italia e nelle aree rurali.

Sostieni il mio lavoro

acquista da Amazon Sostieni il mio blog in differenti modi.
Prova gratis Amazon Prime

Abbonati ad  Amazon music

Acquista da Amazon senza sovrapprezzo





Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: