Videocamera o smartphone?

Ho iniziato questa attività di divulgazione usando la videocamera frontale di uno Xiaomi Mi A1. All’epoca avevo solo quella videocamera a disposizione e usavo quella frontale perchè non avevo minimamente idea della postura da usare mentre mi riprendevo in video. La mia immagine all’interno dello schermo mi ha aiutato a prendere le migliori decisioni sul come posizionarmi.

All’inizio dell’attività della divulgazione l’output era per me soddisfacente, ma si sa: con tempo arriva anche la necessità di migliorare la qualità dei video.

Per questo motivo, circa 2 anni fa, decisi di fare il grande passo e puntare su una videocamera. Precisamente scelsi la Sony fdr-ax33. Una 4K (risoluzione che non uso) in grado di registrare anche a 1080 a 50fps. Il risultato è stato ampiamente soddisfacente: colori più nitidi e generale migliore qualità dell’immagine. In post produzione, raramente ho aumentato la luminosità della scena.

Purtroppo la Sony è caduta per terra e adesso mi dà un errore, il e:61:10 per la precisione. Si risolve, leggo su internet, con un reset della videocamera il quale non garantisce il ripristino definitivo della stessa. In effetti, sopo il reset e dopo aver ri-settato tutti i parametri, riesco a registrare facendo attenzione però a non mandare in stand by la Sony. Altrimenti devo ripetere l’operazione.

Domenica scorsa ho quindi provato a registrare un video con la fotocamera frontale del mio nuovo e fiammante Samsung Galaxy Note 10. Ho usato la videocamera frontale con risoluzione FDH 60fps e HDR, apportando un leggerissimo filtro bellezza.

Il risultato? Colori migliori, audio decente (non ho usato microfoni esterni) e maggior senso di freschezza del video. Guardare per credere.

Ora, sapete qual è il bello della situazione? Che a me soddisfano più le riprese dello smartphone che quelle della videocamera. E attenzione: ho usato quella frontale e non quella posteriore che è migliore.
L’intelligenza Artificiale che muove il software della camera del Samsung Galaxy Note 10 riesce anche ad apportare una buona color correction e questo è grasso che cola per me che non sono esperto di questo settore e, a dirla tutta, non sono nemmeno un mago delle luci.

Per cui ho deciso: abbandono la Sony e inizierò ad usare il solo il Galaxy Note 10 (attivando la modalità aereo mentre registro perchè, è noto, che le telefonate e i vari Whatsapp arrivano proprio durante quelle mezz’oretta che dedico alle riprese).
A tendere userò la videocamera posteriore e anche il mio microfono, il Rode VideoMicro. Occorrerà quindi un adattatore USBC to jack 3,5 (chè dovrei avere da qualche parte) un cavalletto in grado di agganciare contemporaneamente smartphone + microfono) e una cover con uno specchietto che mi serve per guardarmi in esso.. A basso costo potrei anche pensare di comprare un cavalletto per smartphone con un ring light, tipo questo.

Qualcuno potrebbe gridare allo scandalo per questa mia decisione che, faccio notare, è già adottata con successo da altri youtubers (quelli veri) tipo Emalloru e Nicolò Balini che usano principalmente il loro smartphone (il primo anche per montare direttamente i video, senza passare da PC!).

X
Subject:
Message:
condividi!