Ma davvero vi sto parlando di un mouse?!? Si perchè il Coener M12 è un affare

Cioè … ma ci rendiamo conto? Vi sto parlando di un piccolo ed economico mouse! Magari, così, a primo acchito, rischio pure di deludere chi mi legge da tanto tempo o anche i nuovi arrivati. Possibile che Francesco Renzo parli di un mouse? E che avrà mai di speciale per meritarsi un post su un blog? L’ho comprato da Amazon (non me l’hanno regalato) quindi questo, come tutti gli altri, non è un post sponsorizzato.

Ve lo dico subito: si chiama Coener M12; funziona, è silenzioso, va benissimo per i lavori di Office e simili e costa poco più di 10 Euro . Ma non finisce qui. Leggete fino alla fine.

Estetica ed ergonomia
Bello, carino, si impugna bene. Se hai le mani grandi come le mie non è il massimo della comodità ma va bene lo stesso. I click sono morbidi e silenziosi. E’ ampiamente usabile e facilmente trasportabile. Rispetto alla foto, la realtà fortunatamente non lo rende così tamarro: viene visualizzato un colore per volta che dura qualche secondo e varia con una transizione soft. I colori sono delicati e non intensi. Vedere il seguente video per comprendere. Va bene così!

https://www.francescorenzo.com/wp-content/uploads/2020/10/coener-M12.mp4

Batteria
Da nessuna parte c’è scritta la capacità della batteria interna (o almeno io non l’ho trovata); un utente, tra i commenti di Amazon, afferma che con un uso di circa 4 ore di lavoro al giorno è durata 22 giorni. Non male. Ci si libera della schiavitù delle pile mini stilo e la batteria interna si ricarica in 1h e mezzo mediante un cavo micro USB. Se avesse avuto la USB C sarebbe stato il massimo. Durante l’operazione di ricarica, anche se si attacca il cavo al PC, il mouse non funziona. Se lo lasciate in standby si spegne automaticamente dopo 8 minuti.

Precisione
Ha tre livelli di DPI: 800/1200/1600 regolabili tramite apposito pulsante posto poco sotto la rotellina; tali impostazioni possono soddisfare le diverse esigenze, ufficio, giochi e altro. Riguardo ai giochi però non mi esprimo in pieno perchè non sono un gamer.

Pakaging
1 Coener M12
1 cavo di ricarica Micro USB
1 ricevitore USB a scomparsa
1 utilissimo adattatore di tipo da USB tipo A verso USB tipo C
1 inutile manuale utente

Connettività
E qui arriviamo al punto forte. Questo mouse funziona o in Bluetooth 5.1 oppure con solito adattatore da collegare ad una porta USB classica. Per abilitare l’una o l’altra funziona basta agire sul tastino selettore che si trova sul posteriore. In esso trova posto anche il ricevitore USB a scomparsa. GENIALE.
Qualcuno potrebbe dire: e se non voglio usare il bluetooth e il mio dispositivo non ha porte USB A ma solo USB C oppure quelle che ha sono occupate? No problem: in dotazione viene fornito anche un adattatore USB tipo A verso USB tipo C; si inserisce l’adattatore a scomparsa nella parte della USB A e l’USB C nel telefono oppure direttamente nella USB C del Macbook!

Il Coener M12 collegato ad un Galaxy Note 10 mediante adattatore USBA -> USBC

ATTENZIONE: ho provato molti mouse economici che mi ha dato problemi col pairing bluetooth. Questo no; ho premuto il selettore Bluetooth, ho cercato il dispositivo col MacBook Air e l’ha accoppiato al volo in circa 3 secondi! Non c’è il codice per il pairing.
Ovviamente, essendo un mouse bluetooth, vi dico subito che funziona benissimo col mio iPad (occorre aggiornarlo alla versione iPadOS 14) e col Galaxy Note 10.

E’ possibile acquistare questo bell’oggetto direttamente seguendo questo link https://amzn.to/37TRHAi. Io ne ho comprato un altro a mia figlia di 9 anni! L’ho scelto rosa e l’ho pagato quasi 2 Euro in più.

X
Subject:
Message:
condividi!